26

Maggio
2022

seminario

Le pratiche commerciali sleali: novità e impatti nei rapporti di filiera del Decreto 198/2021


ll seminario è fruibile da remoto in web seminar
Modalità di connessione per seguire live la giornata di studio →

Con Decreto legislativo n. 198/2021 di attuazione della direttiva 2019/633, l’Italia, dal 15 dicembre 2021, si è dotata di un sistema di contrasto delle pratiche commerciali sleali nelle relazioni tra acquirenti e fornitori di prodotti agricoli e alimentari.

La nuova normativa, nella quale è di fatto confluito il vecchio articolo 62 DL 24 gennaio 2012 n.1 che disciplinava i termini di pagamento nelle cessioni dei prodotti agricoli e alimentari, ha definito una lista di pratiche scorrette distinguendo tra blacklist e greylist. Il seminario ha l'obiettivo di approfondire questi aspetti oltre ad analizzare come cambia il contratto di fornitura, mettendo a fuoco le nuove caratteristiche che dovranno avere i contratti fra le parti della filiera agroalimentare per quanto riguarda:

  • la forma
  • le modalità esecutive
  • la durata.

Saranno inoltre esaminati i poteri di intervento delle autorità di contrasto e analizzato l’apparato sanzionatorio che costituisce una vera e propria novità della normativa.

Locandina del web seminar →

rivolto a:

Reparti Produzione e Qualità delle aziende alimentari - Ufficio legale e Regolatorio - Consulenti sui temi della qualità alimentare - GDO


interventi


26

Maggio
2022


mattina

Le pratiche commerciali sleali: il Dlgs 198/2021. Cosa cambia nella filiera agroalimentare. Focus sui contratti

Chiara Marinuzzi
Avvocato - Studio Legale Avv. Gaetano Forte

abstract

L’intervento illustra il decreto legislativo n. 198/2021 di attuazione della Direttiva (UE) 2019/633 contro le pratiche commerciali sleali nel settore agroalimentare, l’oggetto e l’ambito di applicazione.
Saranno esaminate le pratiche commerciali sleali vietate oggi distinte in:
• "blacklist"
• "greylist"
e verranno analizzate le altre pratiche commerciali scorrette nonché le buone pratiche commerciali.
Sarà condotto un focus sui contratti, esaminando come cambia il contratto di fornitura e nei rapporti nella filiera agroalimentare, gli elementi essenziali dei contratti di cessione, i tempi e le modalità di adeguamento.
Sarà discussa la nuova regolamentazione delle vendite sottocosto.
Infine verrà approfondito l’impatto dell’abrogazione dell’art. 62 DL n. 1/2012.

Il contrasto alle pratiche sleali nei rapporti tra imprese nella filiera agricola e alimentare

Enrico Esposito
Avvocato - Capo Ufficio Legislativo MiPAAF

abstract

L’intervento è focalizzato sull’organizzazione delle autorità di contrasto alle pratiche commerciali sleali e sui poteri di intervento dell’Ispettorato.
Saranno esaminate le sanzioni applicabili e le attività di cooperazione tra le Autorità di contrasto.

Pratiche sleali: il ruolo dell’ICQRF

Angelo Faberi
Dirigente ICQRF - Direttore dell'Ufficio territoriale Italia centrale

abstract

L'intervento descriverà il ruolo e i compiti dell'Ispettorato Centrale della tutela della Qualità e Repressione Frodi dei prodotti agroalimentari, quale organismo di controllo dell'agroalimentare, con un focus sui risultati operativi conseguiti negli anni, in particolare quale autorità sanzionatoria riguardo le violazioni amministrative di competenza nell'agroalimentare.
Saranno quindi illustrati i compiti e l'organizzazione dell'unità di contrasto alla pratiche sleali "UPD" a cui è stata attribuita la gestione delle denunce delle pratiche commerciali non consentite pervenute al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali.


pomeriggio

nessun intervento


prezzo:

240 € più Iva

modalità web seminar


PREZZO SPECIALE DI 180 € + IVA PER CHI SI ISCRIVE ENTRO IL 16 MAGGIO - PREZZO DI ISCRIZIONE PER GLI AVVOCATI: 200 € + IVA

la quota comprende:
  • La presenza alla giornata di studio
  • Gli atti del corso o del seminario
  • Coffee break e business lunch *
  • Attestato di partecipazione
  • Crediti formativi per i Tecnologi Alimentari

* salvo iscrizioni in modalità Web Seminar. In caso di restrizioni sanitarie imposte dalle autorità competenti il coffee break e il business lunch non saranno serviti neppure in presenza.


modalità e termini di iscrizione

L’iscrizione deve pervenire entro i due giorni precedenti la data del seminario. Dopo questa scadenza, si prega di telefonare allo 02 23170963 per avere conferma di posti ancora disponibili.

All’attivazione del seminario OM invia, tramite mail, conferma di accettazione e la fattura per il pagamento della quota di partecipazione.


OM si riserva la facoltà di annullare o modificare la data di svolgimento di un seminario (ad esempio per mancato raggiungimento del numero minimo dei partecipanti) entro i termini indicati per la chiusura delle iscrizioni.
Nel caso, i partecipanti saranno tempestivamente avvisati; se versata, la quota di iscrizione sarà restituita per intero.

I partecipanti possono disdire la loro partecipazione al seminario entro e non oltre sette giorni lavorativi prima dell'appuntamento, dandone comunicazione scritta a OM tramite email o fax. Dopo questo termine la quota d’iscrizione dovrà essere versata per intero.


relatori



coordina la giornata


Marinuzzi

Chiara Marinuzzi

Avvocato - Studio Legale Avv. Gaetano Forte

Nata a Ferrara il 06 ottobre 1970. Laureata in giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Ferrara.
Avvocato dal 1998.
Si occupa di diritto agroalimentare (in particolare normative igienico-sanitarie e di etichettatura) diritto comunitario, concorrenza sleale, implementazione modelli organizzativi ex D.lgs. 231/01 e governance aziendale.


contatti

Per informazioni e iscrizioni ai corsi “in_formare, la qualità del cibo a convegno”:
segreteria@ominrete.it