06

Giugno
2024

corso

I controlli nella produzione degli alimenti: quali e quanti? Azioni, norme e responsabilità dell’OSA


Il corso si svolge sia in presenza sia online. La modalità si sceglie al momento dell'iscrizione

La parola "controllo" che cosa evoca nel contesto della produzione di alimenti?
Partiamo dall'origine: controllo deriva dal francese, contrôle, composto da contre, ovvero contro, e da rôle, che significa "registro di atti" con riferimento alla sua orgine dal latino rotulus, rotolo (documento arrotolato).
Etimologicamente parlando, controllo indica "un registro che fa da riscontro ad un altro" e, quindi, i controlli sono quegli atti di verifica di qualcosa che è stato definito.

Numerosi, sfacettati, logici, complessi o banali, obbligatori o volontari sono i controlli che l’OSA e le Autorità Competenti svolgono e registrano nelle loro attività quotidiane.
Il corso intende affrontare trasversalmente:

  • le logiche di alcuni tra i più importanti tipi di controllo
  • le responsabilità
  • gli aspetti legali.

Locandina del corso →

 

iscriviti al corso
rivolto a:

Assicurazione e controllo qualità, produzione e R&D delle imprese alimentari e della GDO - Laboratori privati e pubblici - Ufficio legale - Consulenti per la sicurezza alimentare - Tecnologi Alimentari


interventi


06

Giugno
2024


mattina

Il "controllo" nella normativa alimentare: dall'autocontrollo alla tracciabilità, inseguendo il termine specifico

Chiara Marinuzzi
Avvocato - Studio Legale Avv. Gaetano Forte

abstract

L’intervento mira ad esaminare sotto un profilo giuridico il valore dei termini "controllo" "autocontrollo" e "tracciabilità", il loro significato per le Autorità competenti e per gli Operatori del settore alimentare.
• Cosa significa controllo e autocontrollo nel mondo alimentare e come è cambiato nel tempo
• Le tipologie del controllo
• Il perché dell’autocontrollo: il ruolo centrale dell’OSA e gli strumenti a disposizione
• La tracciabilità e le sue implicazioni
• La rilevanza del controllo, dell’autocontrollo e della tracciabilità: rischi e responsabilità nella filiera.

Importanza e ruolo del Controllo Ufficiale per la sicurezza alimentare

Manlio Della Ciana
Già medico veterinario presso l’Azienda USL della Romagna

abstract

La relazione tratterà del Controllo Ufficiale nel settore degli alimenti finalizzato alla sicurezza alimentare, evidenziando come il focus del CU sia evoluto nel tempo, passando da un controllo quasi esclusivamente sul prodotto finito ad un controllo sempre più attento a quanto avviene a monte della filiera produttiva.
Saranno inoltre spiegate le ragioni di questa evoluzione, in relazione ad alcuni episodi che hanno segnato la storia delle produzioni alimentari nel nostro Paese.
La relazione tratterà poi dell’approccio del CU circa le procedure e le buone pratiche attuate dalle aziende, distinguendo tra le diverse responsabilità, con il supporto di alcuni casi studio.

Controlli Ufficiali per l’etichettatura e la presentazione dei prodotti agroalimentari: il ruolo dell'ICQRF

Francesca Totò
Funzionario ispettivo ICQRF Lombardia - Ministero dell'Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste

abstract

L'intervento approfondirà il Sistema nazionale dei controlli e contrasto alla contraffazione con la presentazione di casi studio e normativa di riferimento.

L'innovativa ispezione a microonde per rilevare i corpi estranei in alimenti e bevande

Marco Ricci
Esperto e direttore R&D microwave technology

abstract

Il rilevamento dei corpi estranei negli alimenti continua ad essere una problematica importante per l’industria alimentare e del beverage e, le attuali tecnologie, come raggi X e metal detector, non riescono a coprire tutte le esigenze di controllo. Scopriremo durante questa relazione come la tecnologia a microonde, che si basa sulla misura del contrasto dielettrico fra prodotto e contaminante, è una valida soluzione per rilevare in linea, durante la produzione, corpi estranei come insetti, vetro, plastiche sottili, legno, gusci, sassi, ossa (oltre ai metalli) su prodotti confezionati.

Rilevare i microfori nel packaging sul 100% della produzione per garantire qualità e shelf life

Paolo Tondello
Specialista di prodotto - Spettroscopia laser

abstract

I microfori nel packaging o nell’area di saldatura hanno effetti negativi sulla garanzia di qualità e shelf life del prodotto. Nella relazione approfondiremo come funziona la spettroscopia laser e come la sua applicazione su una linea di produzione può aiutare le aziende alimentari ad identificare i microfori sul 100% della produzione, come controllo non distruttivo, senza variare né la velocità di linea né la composizione dell’atmosfera protettiva (MAP).


pomeriggio

Dal Pest Control al Pest Management: l'evoluzione della lotta agli infestanti tra prevenzione e corretta gestione

Francesco Fiorente
Dottore Forestale - Esperto in Pest Management e Food Safety

abstract

Le attività di gestione degli infestanti nel settore alimentare rappresentano uno dei pilastri per mantenere condizioni igieniche accettabili per la produzione, manipolazione, stoccaggio e somministrazione degli alimenti. Tra normativa cogente e volontaria, tra tecniche di nuova generazione e antichi pregiudizi e leggende metropolitane su tali attività, passando per fornitori di servizi esterni sempre più qualificati, il Pest Management (letteralmente "la gestione degli infestanti") assume oggi toni di elevata competenza tecnico-scientifica e gioca un ruolo importante nel garantire la sicurezza alimentare e mantenere profili di sostenibilità ambientali accettabili.
L'intervento ha l'obiettivo di fare una panoramica generale sull'evoluzione delle attività di disinfestazione e derattizzazione, enfatizzando la gestione integrata degli infestanti (IPM) e la scelta di soluzioni efficaci e meno impattanti per la salute umana, animale e l'ambiente.

Ruoli e responsabilità nella supply chain per le informazioni al consumatore: allergeni e non solo

Marco Battaglia
Tecnologo alimentare e Dottore di ricerca in sistema agroalimentare

abstract

Le informazioni al consumatore non sono un gioco da ragazzi e non sono appannaggio esclusivo di un solo ufficio, o meglio, il responsabile preposto deve essere capace di coordinare, gestire, comprendere e, se del caso, convertire, diversi livelli di informazione, interni ed esterni all’operatore che immette in commercio.
In sintesi, l’etichettatura è un processo aziendale in cui una significativa e importante quota di input deriva da fornitori esterni.

In questo intervento ci soffermeremo su alcuni aspetti cruciali che sono alla base di una corretta informazione, ovvero: la composizione qualitativa e quantitativa degli ingredienti, la loro origine, i valori nutrizionali, i materiali di imballo, e, in particolare, gli allergeni.
Per ognuno di questi è opportuno porsi le domande delle 5W e 1H? Sì.

A partire dalla casistica ufficiale del RASFF, attraverso principi legislativi (norme e sanzioni) e indicazioni degli standard GFSI, verranno presentate alcune modalità "positive" di un processo di etichettatura a partire dalla supply chain e alcuni casi pratici "negativi" su come non eseguirlo, sempre con particolare focus sugli allergeni.


prezzo:

280 € più Iva

in aula


280 € più Iva

modalità web seminar


PREZZO SPECIALE DI 210 € + IVA PER CHI SI ISCRIVE ENTRO IL 24 MAGGIO COMPRESO

la quota comprende:
  • La presenza alla giornata di studio
  • Gli atti del corso o del seminario
  • Coffee break e business lunch *
  • Attestato di partecipazione
  • Crediti formativi per i Tecnologi Alimentari

* salvo iscrizioni in modalità Web Seminar. In caso di restrizioni sanitarie imposte dalle autorità competenti il coffee break e il business lunch non saranno serviti neppure in presenza.


modalità e termini di iscrizione

L’iscrizione deve pervenire entro i due giorni precedenti la data del corso. Dopo questa scadenza, si prega di telefonare allo 02 23170963 per avere conferma di posti ancora disponibili.

All’attivazione del seminario OM invia, tramite mail, conferma di accettazione e la fattura per il pagamento della quota di partecipazione.


OM si riserva la facoltà di annullare o modificare la data di svolgimento di un corso (ad esempio per mancato raggiungimento del numero minimo dei partecipanti) entro i termini indicati per la chiusura delle iscrizioni.
Nel caso, i partecipanti saranno tempestivamente avvisati; se versata, la quota di iscrizione sarà restituita per intero.

I partecipanti possono disdire la loro partecipazione al corso entro e non oltre sette giorni lavorativi prima dell'appuntamento, dandone comunicazione scritta a OM tramite email o fax. Dopo questo termine la quota d’iscrizione dovrà essere versata per intero.


relatori



coordina la giornata


Scafuri

Laura Scafuri

Tecnologa Alimentare

Goriziana di nascita, ma lombarda di vita e professione. Laureata in Scienze e Tecnologie alimentari presso l'Università degli Studi di Milano, iscritta all’Ordine dei Tecnologi Alimentari - OTALL dal 2002.

Per 32 anni responsabile del Laboratorio CQ e del Sistema di gestione ISO 17025 di una nota azienda alimentare: analisi di alimenti, mangimi, acque, aria e superfici da ambienti di produzione primaria e alimentare. Analisi sensoriali.

Ha competenze di Microbiologia predittiva e nella gestione di Challenge Test.
Perito di parte per prelievi ufficiali.

Si occupa di Igiene degli alimenti, di HACCP, di Etichettatura alimenti, di Analisi e gestione allergeni e contaminanti.

È ispettore tecnico Accredia per prove microbiologiche dal 2008.

Ha collaborato attivamente per il settore food senza glutine, con l’obiettivo e il desiderio di promuovere l’approfondimento scientifico in questo ambito; grazie al prezioso contributo dei professori Iametti e Bonomi dell’Università di Milano, ha promosso studi e correlazioni sui metodi analitici, sul contenuto effettivo di glutine in ingredienti immotivatamente definiti "a rischio" e oggi "liberalizzati" anche grazie agli approfondimenti condotti (gorgonzola, sciroppi di glucosio, distillati di cereali ecc.), così come ha posto le basi per la Comunione del Celiaco.


contatti

Per informazioni e iscrizioni ai corsi “in_formare, la qualità del cibo a convegno”:
segreteria@ominrete.it