10

Marzo
2022

corso

"E number free". Tecnologie e formulazione di alimenti privi di additivi: specificità, vantaggi, limiti


ll corso è fruibile in aula e da remoto in web seminar. La modalità si sceglie al momento dell'iscrizione.

Gli additivi alimentari sono identificati da un codice, lettera "E" con numero progressivo, e riportati in una lista positiva. Organismi internazionali ed europei valutano che ogni additivo risponda ai requisiti fissati dalla normativa per tutelare la salute dei consumatori. Oggi, però, il mercato richiede, oltre alla sicurezza, etichette brevi, con pochi ingredienti e assenza di additivi. In una decade dove sarà massimo l’impegno ad adottare stili di vita sani e sostenibili, produttori e consumatori avranno sempre più interessi in comune, ma la volontà di innovazione aziendale può già incontrare il desiderio di trasparenza e "naturalità" da parte del consumatore.
Il corso, anche grazie alla presentazione di casi studio, si propone di approfondire e indagare:

  • il panorama normativo e interpretativo sugli alimenti "E number free"
  • le tecnologie applicabili per eliminare gli additivi
  • le molecole di origine naturale per prolungare la shelf life
  • gli aspetti applicativi di enzimi, fibre vegetali e proteine in ricette prive di additivi
  • i vantaggi e i limiti dell'impiego di estratti vegetali.
Locandina del corso

Nel rispetto del DL 30 dicembre 2021 n.229, i partecipanti in aula dovranno essere muniti di Green pass rafforzato e osservare le disposizoni in vigore.
iscriviti al corso
rivolto a:

Produzione, Qualità, R&S aziende alimentari e GD - Responsabili laboratori di analisi - Consulenti sui temi della qualità e sicurezza alimentare - Produttori di ingredienti


interventi


10

Marzo
2022


mattina

Panorama normativo e interpretativo sugli alimenti "e number free"

Giorgia Andreis
Avvocato - Andreis e Associati Avvocati - Torino, Milano

abstract

L’intervento ha lo scopo di illustrare il quadro normativo e interpretativo sui prodotti E number free e le prospettive dal punto di vista legale, sia riguardo alla composizione degli alimenti sia riguardo alla loro presentazione.
Si prenderanno in considerazione anche le questioni sino a oggi affrontate davanti alle Autorità competenti e alcuni casi di interesse nazionale e comunitario.

Tecnologie singole o combinate per una possibile eliminazione degli additivi alimentari

Davide Barbanti
Professore Associato in Scienze e Tecnologie Alimentari - Dipartimento di Scienze degli Alimenti e del Farmaco - Università degli Studi di Parma

abstract

La riduzione, o meglio ancora l'eliminazione degli additivi negli alimenti è un problema che, a tutt'oggi, richiede una notevole conoscenza degli aspetti legati alla sicurezza, stabilità e qualità organolettica di molti prodotti.
In questo intervento saranno portati alcuni esempi pratici di come la corretta applicazione di una tecnologia o di combinazione di tecnologie, possa permettere l'eliminazione di alcuni additivi senza compromettere la sicurezza e la qualità generale di alcuni prodotti alimentari.

Molecole di origine naturale ad attività antimicrobica per il prolungamento della shelf life

Manuela Rollini
Professoressa associata presso DeFENS - Dipartimento di Scienze per gli Alimenti, la Nutrizione e l'Ambiente - Sezione di Microbiologia degli Alimenti e Bioprocessi - Università degli Studi di Milano

abstract

Alcuni componenti di origine naturale (estratti da vegetali, prodotti da microrganismi sicuri) mostrano peculiari caratteristiche antimicrobiche. L'intervento mira ad approfondire la potenzialità di impiego di tali sostanze con l'obiettivo di prolungare la shelf life di alcune tipologie di prodotti alimentari.


pomeriggio

Impiego di enzimi, fibre e proteine: opportunità, limiti, paradossi degli aspetti applicativi

Donato Smaldone
Tecnologo alimentare - Food Inn sas - Milano

abstract

La ricerca di soluzioni che possano semplificare e ripulire le ricette dagli additivi è pratica costante nei laboratori di R&D in tutto il mondo. È una ricerca iniziata da diversi anni che ha fatto apprezzare al consumatore lo sforzo di aziende diventate leader mondiali nel loro settore.
Durante l'intervento sarà presentata una panoramica focalizzata sugli aspetti applicativi di enzimi, fibre vegetali e proteine che vanno in questa direzione. I settori interessati riguardano principalmente bakery, gelati, dessert e gastronomia.
Saranno presi in considerazione i limiti e le difficoltà che si incontrano in applicazione, e i paradossi che sono emersi da esperienze concrete nel tentativo di cercare scorciatoie.

Utilizzo di estratti vegetali per sostituire/ridurre l’uso di additivi alimentari: ricadute positive e negative di una strategia possibile

Patrizia Restani
Full Professor in Food Chemistry - Facoltà di Scienze del Farmaco - Università degli Studi di Milano

abstract

Il consumatore è sempre più consapevole e interessato alla sua dieta e alla qualità degli alimenti che consuma. Gli additivi alimentari provenienti da fonti vegetali hanno trovato interesse da parte sia delle industrie alimentari sia dei consumatori. Alcune ricerche mostrano infatti che i consumatori tendono a preferire additivi di origine naturale, nel comune convincimento che quello che deriva dalla natura sia per definizione sicuro. Sebbene abbastanza promettenti, gli additivi naturali hanno ancora limitazioni e ostacoli da superare prima di poter essere utilizzati nell’industria quali additivi comuni. Nella presentazione si darà una visione degli studi recenti sugli additivi di origine vegetale, il loro uso, i relativi benefici e i rischi.

Casi studio: il potenziale delle fermentazioni nella produzione di alimenti privi di additivi

Chiara Montanari
CIRI Agroalimentare - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum

abstract

L’utilizzo di colture microbiche selezionate può essere una valida strategia per l’ottenimento di prodotti sicuri, stabili e dotati di buone caratteristiche organolettiche.
Il potenziale di alcune specie microbiche come colture starter e/o bioprotettive può infatti essere sfruttato in diverse matrici alimentari, riducendo e in alcuni casi addirittura eliminando l’impiego di additivi.
In questo intervento verranno trattati due casi studio: il primo riguarda la messa a punto di un prodotto fermentato vegano ottenuto mediante fermentazione controllata di frutta secca, mentre nel secondo caso verrà affrontata la tematica della rimozione di nitrati e nitriti dai salumi fermentati.


prezzo:

280 € più Iva

in aula


280 € più Iva

modalità web seminar


PREZZO SPECIALE DI 210 € + IVA PER CHI SI ISCRIVE ENTRO IL 25/02 COMPRESO

la quota comprende:
  • La presenza alla giornata di studio
  • Gli atti del corso o del seminario
  • Coffee break e business lunch *
  • Attestato di partecipazione
  • Crediti formativi per i Tecnologi Alimentari

* salvo iscrizioni in modalità Web Seminar. In caso di restrizioni sanitarie imposte dalle autorità competenti il coffee break e il business lunch non saranno serviti neppure in presenza.


modalità e termini di iscrizione

L’iscrizione deve pervenire entro i due giorni precedenti la data del corso. Dopo questa scadenza, si prega di telefonare allo 02-91534731 per avere conferma di posti ancora disponibili.

All’attivazione del seminario OM invia, tramite mail, conferma di accettazione e la fattura per il pagamento della quota di partecipazione.


OM si riserva la facoltà di annullare o modificare la data di svolgimento di un corso (ad esempio per mancato raggiungimento del numero minimo dei partecipanti) entro i termini indicati per la chiusura delle iscrizioni.
Nel caso, i partecipanti saranno tempestivamente avvisati; se versata, la quota di iscrizione sarà restituita per intero.

I partecipanti possono disdire la loro partecipazione al corso entro e non oltre sette giorni lavorativi prima dell'appuntamento, dandone comunicazione scritta a OM tramite email o fax. Dopo questo termine la quota d’iscrizione dovrà essere versata per intero.


relatori



coordina la giornata


Ciampella

Amina Ciampella

Tecnologo Alimentare - Supervisor scientifica In-Formare - Presidente Commissione Ristorazione fuoricasa UNI - Presidente di Cultural Frame of Food - Past President OTALL

Tecnologa Alimentare, titolare dell'omonimo studio professionale, possiede vasta esperienza nel campo della Ristorazione fuoricasa, per le attività prestate come Responsabile della Ristorazione scolastica di Corsico e di Genova, come esperto del Ministero della Salute, dell'Ente Italiano di Normazione (UNI), di Slow Food.

Ha lavorato nella Cooperazione per i Paesi emergenti come esperto del Ministero Affari Esteri e di ONG italiane.

È Presidente della Commissione Ristorazione fuoricasa dell’Ente Italiano di Normazione (UNI) e dell’Associazione Cultural Frame of Food (CFF).
Past president dell’Ordine dei Tecnologi Alimentari di Lombardia e Liguria.


contatti

Per informazioni e iscrizioni ai corsi “In-Formare, la qualità del cibo a convegno”:
segreteria@ominrete.it