Mantovani

Alberto Mantovani

Già Dirigente di Ricerca dell’Istituto Superiore di Sanità - Membro del Comitato Nazionale Sicurezza Alimentare e del Technical Advisory Group for One Health di WHO-Europe

Medico veterinario, ricercatore dell’Istituto Superiore di Sanità dal lontano 1983 al pensionamento nel marzo 2023, Mantovano si è occupato della valutazione del rischio di residui e contaminanti negli alimenti e nell’ambiente mantenendo questo filone nel passaggio attraverso diverse aree progettuali e strutture. 

Nella sua attività di ricerca si è occupato di diversi aspetti della tossicologia alimentare (nanomateriali, pesticidi, sostanze naturali), ma il filone che ha seguito di più sono gli Interferenti Endocrini, le sostanze, tra cui anche i PFAS, che possono porre a rischio la nostra salute alterando gli ormoni.

Ha sempre dato priorità alle attività di valutazione del rischio in campo internazionale, e ha partecipato ad attività sul miglioramento e aggiornamento dei protocolli di studio all’OECD e sulla identificazione di possibili interferenti endocrini all’Agenzia Europea delle Sostanza Chimiche (ECHA, ad Helsinki). Il suo impegno principale in questo ambito, è stato dal 2003 sino ad oggi la partecipazione alle attività EFSA su mangimi e pesticidi.

Negli ultimi anni della sua attività si è impegnato sul fronte dello sviluppo dell'approccio One Health, e in particolare perché gli aspetti ambientali, contaminanti inclusi, ricevessero adeguata attenzione. Nel 2021 è stato fra gli organizzatori della Summer School internazionale "Environmental issuses in One Health", nell’ambito del One Health European Joint Programme.

Dopo il suo pensionamento continua diverse attività come docente e come esperto, tra cui il Comitato Nazionale Sicurezza Alimentare, di cui è membro dal 2011, e il Technical Advisory Group for One Health di WHO-Europe


interventi:


PFAS: from Environment to Fork. Analisi dei rischi e problemi aperti per un gruppo di contaminanti pervasivi

Contaminanti fisici e chimici nella filiera alimentare. Dall’acqua, dall’ambiente: i più discussi nel 2023. E gli allergeni?
Milano - Marzo   2024