01

Febbraio
2018

seminario

Regolamento UE 625/2017 sui controlli ufficiali: cosa cambia? Una guida per l’OSA


Il nuovo testo sui controlli ufficiali - Reg. 625/2017 - non ha solo abrogato i due Reg. 854/2004 e 882/2004, ma ha anche modificato una decina di testi imprimendo una sostanziale trasformazione dello scenario normativo, in linea con quello che era stato l’intento del Reg. 882/2004 del 29 aprile 2004 (Controlli ufficiali in materia di mangimi, alimenti, salute e benessere degli animali).
Entrato in vigore il 7 aprile 2017, il Regolamento, pur continuando a lasciare uno spazio di autonomia organizzativa agli Stati membri, avrà un impatto importante sull’OSA: è stato appunto varato con l’obiettivo di armonizzare il quadro normativo europeo sui controlli ufficiali, rivolgendosi a tutte le fasi della trasformazione e della distribuzione di animali e merci alimentari.
Il seminario approfondirà i temi principali sia in merito alle implicazioni per l’OSA sia dal punto di vista delle Autorità di controllo.

iscriviti al seminario
rivolto a:


interventi


01

Febbraio
2018


mattina

Analisi delle novità introdotte dal Regolamento 625/2017 e confronto con le norme precedentemente in vigore

Chiara Marinuzzi
Avvocato - Studio Legale Avv. Gaetano Forte

• Diritti e doveri degli operatori: come cambiano nel nuovo quadro normativo

• Il nuovo strumento del rating dell’operatore: da cosa dipende, come si valuta e sue conseguenze

• Il finanziamento dei controlli: l'impatto sui costi a carico dell'OSA

• Il diritto alla controperizia

• L'iter processuale


pomeriggio

Ambiti di applicazione e impatto sul Controllo Ufficiale per l'Autorità Competente e gli Organi di Controllo

Lucia Decastelli
Laboratorio Nazionale di Riferimento Stafilococchi coagulasi positivi, compreso S.aureus - S.C. Controllo Alimenti e Igiene delle Produzioni - Istituto Zooprofilattico Sperimentale Piemonte

abstract

Durante l'intervento saranno approfonditi i temi riguardanti:
• Il ruolo delle Autorità Competenti e degli Organi di Controllo
• La sicurezza alimentare alla luce dei metodi dei nuovi controlli ufficiali
• I controlli ufficiali nei diversi settori agroalimentari: nuovi ambiti di applicazione e prescrizioni
• Il sistema dei campionamenti nelle vendite a distanza
• La formazione dei controllori negli ambiti di competenza.

Cosa succede alle frontiere? L'attività di controllo di UVAC e PIF e che cosa potrebbe cambiare con il nuovo Regolamento

Carla Bilewski
Ufficio Veterinario Adempimenti Comunitari Piemonte e Valle d'Aosta - Posto di Ispezione Frontaliero di Caselle - Ministero della Salute, DGSAF

abstract

L'attività di controllo sui prodotti di origine animale in transito per le frontiere compete, da un punto di vista igienico sanitario, a UVAC (Uffici Veterinari per gli Adempimenti Comunitari) e PIF (Posti Ispezione Frontalieri) sparsi sul territorio nazionale e recentemente accorpati. L'intervento mira ad approfondire l'attività di questi organismi sulla merce sia in entrata sia in transito nel Paese, allo stato attuale e con riferimento alle novità che saranno introdotte dal Regolamento 625/2017. Attualmente, infatti, l'Italia è tra i Paesi più severi nei controlli alla frontiere: il nuovo Regolamento si prefigge di uniformare e semplificare la disciplina sui controlli ufficiali al fine di migliorarne la trasparenza e l’efficienza a vantaggio anche delle aziende.

Questi i temi affrontati:
• L'attuale situazione dei controlli sulla merce in entrata e in uscita dall'Italia. Il sistema TRACES
• La gestione della merce non conforme.
• I possibili effetti del Regolamento 625/2017 sui controlli frontalieri.

Controllori e controllati a confronto

Tavola Rotonda con i relatori

Carla Bilewski
Ufficio Veterinario Adempimenti Comunitari Piemonte e Valle d'Aosta - Posto di Ispezione Frontaliero di Caselle - Ministero della Salute, DGSAF
Lucia Decastelli
Laboratorio Nazionale di Riferimento Stafilococchi coagulasi positivi, compreso S.aureus - S.C. Controllo Alimenti e Igiene delle Produzioni - Istituto Zooprofilattico Sperimentale Piemonte
Chiara Marinuzzi
Avvocato - Studio Legale Avv. Gaetano Forte


la quota comprende:
  • La presenza alla giornata di studio
  • Gli atti del corso o del seminario
  • Coffee break e business lunch
  • Attestato di partecipazione
  • Crediti formativi per i Tecnologi Alimentari

modalità e termini di iscrizione

L’iscrizione deve pervenire entro i due giorni precedenti la data del seminario. Dopo questa scadenza, si prega di telefonare allo 02-91534731 per avere conferma di posti ancora disponibili.

All’attivazione del seminario OM invia, tramite mail, conferma di accettazione e la fattura per il pagamento della quota di partecipazione.


OM si riserva la facoltà di annullare o modificare la data di svolgimento di un seminario (ad esempio per mancato raggiungimento del numero minimo dei partecipanti) entro i termini indicati per la chiusura delle iscrizioni.
Nel caso, i partecipanti saranno tempestivamente avvisati; se versata, la quota di iscrizione sarà restituita per intero.

I partecipanti possono disdire la loro partecipazione al seminario entro e non oltre sette giorni lavorativi prima dell'appuntamento, dandone comunicazione scritta a OM tramite email o fax. Dopo questo termine la quota d’iscrizione dovrà essere versata per intero.

prezzo:

320 € più Iva


PREZZO SPECIALE DI 260 € PIÙ IVA PER CHI SI ISCRIVE ENTRO IL 10 GENNAIO 2018


relatori



responsabili scientifici:


Consonni

Elena Consonni

Giornalista scientifica

Laureata in Scienze e Tecnologie Alimentari, ha da sempre lavorato in ambito giornalistico. Collabora come free-lance con diverse testate, dell'editoria specializzata e non, occupandosi a tutto tondo di food: tecnologia, sicurezza, mercato, nutrizione.

Tre dei suoi articoli sono stati premiati: nel 2011 ha vinto la sesta edizione del Premio Giornalistico "La strada del Recioto e dei vini Gambellara Doc"; nel 2012 il "Premio Istituto Italiano Alimenti Surgelati 2012"; nel 2014 ha ricevuto la menzione speciale per il migliore approfondimento dedicato a burro e panna per l'articolo "Il burro? Forse non sapete che…" pubblicato su Viversani & Belli.

De Vecchi

Francesca De Vecchi

Tecnologa Alimentare, esperta in tecnologie alimentari e nutrizione - Divulgatrice scientifica

Dopo aver conseguito la laurea in Scienze delle preparazioni alimentari, ha lavorato dapprima alla ricerca e allo sviluppo industriale di prodotti per l'infanzia e diete particolari, per poi dedicarsi definitivamente alla divulgazione e al giornalismo.

Oggi cura convegni e collabora con periodici del settore alimentare, oltre che con la stampa a diffusione nazionale, sui temi di nutrizione, sicurezza igienica delle produzioni alimentari, legislazione ed etichettatura


contatti

Per informazioni e iscrizioni ai corsi “In-Formare, la qualità del cibo a convegno”:
segreteria@ominrete.it