08

Marzo
2017

seminario

Dall'analisi del rischio alla food defense. Gestione integrata dei nuovi protocolli di autocontrollo aziendale

Seminario teorico-pratico


La recente evoluzione della normativa statunitense riguardo alla gestione della sicurezza alimentare (FSMA: Food Safety Modernization Act) ha introdotto una serie di concetti relativi all'autocontrollo aziendale, recepiti anche dagli operatori europei e dai principali standard di certificazione.

Il seminario si propone di approfondire i sistemi di gestione della sicurezza alimentare consolidati e nuovi: partendo dall'HACCP si sottolineano similitudini, differenze e integrazioni dei nuovi protocolli di food defense. L'esperienza di un'azienda alimentare testimonia come l'applicazione di questi schemi sia possibile ed efficace.

Durante il pomeriggio è prevista una sessione pratica, condotta dalle tre docenti, con un'esercitazione a gruppi svolta su un caso-studio di gestione e analisi dei rischi in una fase di processo comune a tutte le filiere.

ARGOMENTI TRATTATI
  • HACCP: principi base aspetti critici
  • L'evoluzione del concetto di analisi del rischio
  • I nuovi protocolli: HARPC, VACCP e TACCP
  • Applicazione in azienda - Esercitazione pratica

Il seminario è accreditato presso il Consiglio dell'Ordine Nazionale dei Tecnologi Alimentari e rilascia 6 crediti formativi agli iscritti all'albo.

rivolto a:

Responsabili e reparti della qualità, produzione, ricerca e sviluppo delle aziende alimentari, delle catene della ristorazione commerciale e collettiva, responsabili di laboratorio, consulenti sui temi della sicurezza alimentare, GDO.


interventi


08

Marzo
2017


mattina

Il sistema Haccp e le sue evoluzioni nel tempo

Laura Franzetti
DeFENS, Dipartimento di Scienze per gli Alimenti, la Nutrizione e l’Ambiente - Università degli Studi di Milano

abstract

Il sistema Haccp, tuttora assolutamente valido, si è evoluto nel tempo, adeguandosi alle nuove esigenze del mercato e alle sempre maggiori richieste di sicurezza alimentare. Basandosi sui principi dell'analisi del rischio, il protocollo Haccp ha dapprima aumentato l'attenzione verso i prerequisiti (presenti fin dall'inizio ma ora affrontati in maniera più strutturata) e attualmente sta abbracciando la difesa dell'alimento anche dalle contaminazioni volontarie.

Argomenti trattati:
* I principi di base del piano HACCP
* Le evoluzioni del sistema nell'ottica di analisi del rischio

Il concetto di protezione totale degli alimenti come integrazione fra la food safety e la food defense

Vanessa Di Pietro
Tecnologo alimentare - Consulente e valutatore per aziende agroalimentari

abstract

A livello mondiale è cambiato l’approccio per garantire ai consumatori la sicurezza dei prodotti immessi sul mercato. Negli Stati Uniti, da sempre attenti alla protezione degli alimenti da atti intenzionali di alterazione e manipolazione (Food defense), si inizia a parlare in maniera sempre più strutturata di Food safety con lo sviluppo di specifiche metodologie d’analisi (HAPRC - Hazard Analysis and Risk-Based Preventive Controls for Human Food), mentre in Europa prendono sempre più piede le metodologie per l’elaborazione di protocolli volti all’analisi delle vulnerabilità e delle minacce (VACCP - Vulnerability Analisys and Critical Control Points e TACCP - Threat Analisys and Critical Control Points) in ottica Food defense. La relazione, partendo dall’analisi dell’attuale scenario passerà in rassegna, con esempi pratici, alcune metodologie di Food safety e Food defense applicabili dalle aziende.

Argomenti trattati:
* I principali protocolli e loro integrazione
* Il rapporto con gli standard volontari di certificazione
* Casi studio

Come applicare il piano HARPC e i principi della food defense in azienda

Elena Scandolara
Quality assurance Norda

abstract

Il piano Haccp è uno strumento dinamico e come tale viene di volta in volta adeguato alle nuove necessità aziendali. Per chi esporta negli Stati Uniti, per esempio, è necessario adottare il protocollo HARPC, che non è in conflitto con il piano di autocontrollo tradizionale, ma lo integra in alcuni aspetti. L'intervento è la testimonianza di come un'azienda possa gestire questa evoluzione e la protezione dei propri prodotti da rischi diversi dalla contaminazione accidentale.

Argomenti trattati:
* Revisione del piano Haccp alla luce del protocollo HARPC: punti di contatto e differenze tra i due sistemi
* Integrazione del protocollo HARPC con gli schemi BRC e IFS
* Food defense a misura di azienda: esempi di applicazione in Norda


pomeriggio

Sessione pratica: esercitazione a piccoli gruppi

Laura Franzetti
DeFENS, Dipartimento di Scienze per gli Alimenti, la Nutrizione e l’Ambiente - Università degli Studi di Milano
Elena Scandolara
Quality assurance Norda
Vanessa Di Pietro
Tecnologo alimentare - Consulente e valutatore per aziende agroalimentari

abstract

Ai partecipanti, divisi in piccoli gruppi, verrà sottoposto un caso-studio di gestione e analisi dei rischi di una fase di processo, comune a tutte le filiere, per verificare e sperimentare il nuovo approccio metodologico di autocontrollo appreso durante la sessione teorica. Successivamente gli elaborati verranno esaminati e discussi con le docenti, per valutare l’efficacia delle soluzioni proposte e favorire lo scambio fra i partecipanti di esperienze e misure operative da adottare


la quota comprende:
  • La presenza alla giornata di studio
  • Gli atti del corso o del seminario
  • Coffee break e business lunch
  • Attestato di partecipazione
  • Crediti formativi per i Tecnologi Alimentari

modalità e termini di iscrizione

L’iscrizione deve pervenire entro i due giorni precedenti la data del seminario. Dopo questa scadenza, si prega di telefonare allo 02-91534731 per avere conferma di posti ancora disponibili.

All’attivazione del seminario OM invia, tramite mail, conferma di accettazione e la fattura per il pagamento della quota di partecipazione.


OM si riserva la facoltà di annullare o modificare la data di svolgimento di un seminario (ad esempio per mancato raggiungimento del numero minimo dei partecipanti) entro i termini indicati per la chiusura delle iscrizioni.
Nel caso, i partecipanti saranno tempestivamente avvisati; se versata, la quota di iscrizione sarà restituita per intero.

I partecipanti possono disdire la loro partecipazione al seminario entro e non oltre sette giorni lavorativi prima dell'appuntamento, dandone comunicazione scritta a OM tramite email o fax. Dopo questo termine la quota d’iscrizione dovrà essere versata per intero.

prezzo:

320 € più Iva


ATTENZIONE: prezzo speciale di 250 € più Iva per chi si iscrive entro il 1 MARZO 2017


relatori



responsabili scientifici:


Consonni

Elena Consonni

Responsabile scientifica In-Formare - Giornalista scientifica

Laureata in Scienze e Tecnologie Alimentari, ha da sempre lavorato in ambito giornalistico. Collabora come free-lance con diverse testate, dell'editoria specializzata e non, occupandosi a tutto tondo di food: tecnologia, sicurezza, mercato, nutrizione.

Tre dei suoi articoli sono stati premiati: nel 2011 ha vinto la sesta edizione del Premio Giornalistico "La strada del Recioto e dei vini Gambellara Doc"; nel 2012 il "Premio Istituto Italiano Alimenti Surgelati 2012"; nel 2014 ha ricevuto la menzione speciale per il migliore approfondimento dedicato a burro e panna per l'articolo " Il burro? Forse non sapete che ... " pubblicato su Viversani & Belli.

De Vecchi

Francesca De Vecchi

Responsabile scientifica In-Formare - Tecnologa Alimentare, esperta in tecnologie alimentari e nutrizione - Divulgatrice scientifica

Dopo aver conseguito la laurea in Scienze delle preparazioni alimentari, ha lavorato dapprima alla ricerca e sviluppo industriale di prodotti per l'infanzia e diete particolari, per poi dedicarsi definitivamente alla divulgazione e al giornalismo.

Oggi cura convegni e collabora con periodici del settore alimentare, oltre che con la stampa a diffusione nazionale, sui temi di nutrizione, sicurezza igienica delle produzioni alimentari, legislazione ed etichettatura


contatti

Per informazioni e iscrizioni ai corsi “In-Formare, la qualità del cibo a convegno”:
segreteria@ominrete.it